A differenza di altri giornali, non abbiamo creato un paywall (muro a pagamento): vogliamo mantenere il nostro giornale il più aperto possibile. Il giornalismo di VoxPublica impiega molto tempo, denaro e duro lavoro per produrre la qualità che state cercando. Se vogliamo restare indipendenti non possiamo essere finanziati dalla pubblicità, abbiamo quindi bisogno che i Lettori ci finanzino. Se vi piace quello che scriviamo contribuite a difenderlo, con voi il nostro futuro e il giornalismo libero saranno più sicuri. 
SOSTIENICI CON 3 EURO AL MESE
Marx ci spiega il falso mito dei diritti civili
Il turbocapitale, nella sua transizione al nuovo assetto assoluto post-borghese e post-proletario, produce una vera e popria “tragedia nell’etico” (Tragödie im Sittlichen), per ricorrere all’evocativa espressione di Hegel: l’élite neofeudale e oligarchica sta con successo distruggendo la dimensione...
Dovete godere! Da sudditi a consumatori
Il globalismo assoluto oggi imperante promuove sotto ogni profilo processi di soggettivazione individualizzante e anticomunitaria.
Il 1989 spiegato anche ai bambini
Il fatto che il 1989 sia, ad oggi, celebrato come anno della liberazione costituisce una prova ulteriore circa l’invasività dell’ideologia dominante, nonché la sua capacità di essere egemonica anche presso le classi che tutto l’interesse avrebbero a contestarla.
Unione Europea, il trionfo del capitale europeo contro i lavoratori europei
L'ho detto e lo ridico. L'unione europea è il trionfo del capitale europeo contro i lavoratori europei. È il trionfo del liberismo postnazionale sulle residue democrazie sociali d'Europa. A corroborarlo tangibilmente è, tra l’altro, la lettera che la Banca Centrare Europea inviò il 5...
Siamo al bivio. Al redde rationem. Il Movimento Cinque Stelle, che ha egregiamente svolto in questi anni il ruolo di oppositore al PD, partito di rappresentanza dell'aristocrazia finanziaria turbocapitalistica, deve ora posizionarsi realmente. Ora non si tratta più di fare opposizione, ma di...
Il manifesto che vedete nella foto e che era presente a Roma è stato rimosso per una scelta istituzionale. Lo si è letteralmente considerato offensivo rispetto alla sensibilità pubblica. Forse perché ci ricordava del dramma legato all’aborto. Forse perché ci dava da pensare. O forse ancora perché...
Coerente con i processi in atto di mondializzazione infelice, l’annientamento operato dal nuovo regime flessibile della figura della madre per l’individuo corrisponde alla distruzione della lingua-madre per i popoli.
Secondo quello che è stato definito il nuovo Gender Diktat, non esiste una stabile identità di genere nell’essere umano. Sicché i generi sono espressione di una sessualità fluida e pansessualista, polimorfa e sciolta dalla funzione riproduttiva, senza limiti né funzioni sciolte dal piacere...
Per un fronte unico degli sconfitti della mondializzazione
Il potere dell’élite neo-feudale mobiliterà l’intero quadro degli oratores, dal clero regolare giornalistico al circo mediatico, dal clero secolare accademico ai nuovi mandarini intellettuali, per mantenere frammentata la base, in conflitto tra loro gli esclusi e in condizione di cattività...
La globalizzazione non è altro che la teoria che descrive e rispecchia e, insieme, prescrive e glorifica il nuovo ordine mondiale classista delineatosi e stabilizzatosi dopo il 1989, ossia il mondo interamente sussunto sotto il capitale e sotto l’imperialismo americano-centrico dei mercati di...
Il principio del consumismo amoroso è quello peculiarmente signoreggiante nel regno delle merci: una sorta di nichilistica distruzione creatrice, con cui l’oggetto-merce si dissolve nell’atto stesso del consumo. E sempre da capo riappare, scintillante e suadente, nell’ambito della circolazione: qui...
In coerenza con la profezia distopica tratteggiata, a tinte fosche, da Aldous Huxley in Brave New World (1932), droga liberalizzata e sessualità trasgressiva e direzionata al solo godimento divengono i due pilastri del “nuovo mondo” post-sesantottesco del turbocapitalismo a deregolamentazione...
Il fanatismo economico chiamato capitalismo aspira a distruggere la famiglia per più ragioni, tutte coerenti con la dinamica di deeticizzazione propria della nuova fase post-borghese e post-proletaria. Per un verso, come si è sottolineato sulle orme di Hegel, la famiglia implica un altruismo...
Il fanatismo economico chiamato capitalismo aspira a distruggere la famiglia per più ragioni, tutte coerenti con la dinamica di deeticizzazione propria della nuova fase post-borghese e post-proletaria. Per un verso, come si è sottolineato sulle orme di Hegel, la famiglia implica un altruismo...
L’immigrazione di massa voluta dai signori apolidi del sistema global-elitario e delle banche d’affari internazionali deporta in un’Europa scientemente sottoposta al processo di “terzomondizzazione” masse di nuovi schiavi disposti a tutto pur di esistere e privi di coscienza di classe e di memoria...