A differenza di altri giornali, non abbiamo creato un paywall (muro a pagamento): vogliamo mantenere il nostro giornale il più aperto possibile. Il giornalismo di VoxPublica impiega molto tempo, denaro e duro lavoro per produrre la qualità che state cercando. Se vogliamo restare indipendenti non possiamo essere finanziati dalla pubblicità, abbiamo quindi bisogno che i Lettori ci finanzino. Se vi piace quello che scriviamo contribuite a difenderlo, con voi il nostro futuro e il giornalismo libero saranno più sicuri. 
SOSTIENICI CON 3 EURO AL MESE

Theresa May si dimette

Theresa May si dimette

Sommario: 
"Mi dimetterò come leader del Partito conservatore il 7 giugno". Da Downing street la premier Theresa May ha annunciato le sue dimissioni, anticipando che il processo per la scelta del suo successore inizierà la settimana successiva. Per lei "resterà sempre fonte di profondo rammarico" il fatto "di non aver potuto attuare la Brexit". "Ho fatto del mio meglio" per riuscirci, ha sottolineato. Toccherà "al mio successore" guidare verso l'attuazione della Brexit, ha detto ancora May nel suo discorso. E per farlo "dovrà cercare consenso in Parlamento", ha detto ancora la leader conservatrice. "Ho negoziato i termini della nostra uscita", ha aggiunto la premier. "Ho fatto quanto in mio potere per convincere i parlamentari a sostenere l'accordo. Purtroppo non ci sono riusciita".

Tuttavia May si è detta "orgogliosa dei progressi che abbiamo fatto negli ultimi anni. Abbiamo aiutato più persone che mai ad assicurarsi un lavoro. Stiamo costruendo più case ed aiutando chi compra casa per la prima volta così che anche i giovani possano avere le opportunità che hanno avuto i loro genitori.

Pagine

Abbonamento a RSS - Politica Estera