A differenza di altri giornali, non abbiamo creato un paywall (muro a pagamento): vogliamo mantenere il nostro giornale il più aperto possibile. Il giornalismo di VoxPublica impiega molto tempo, denaro e duro lavoro per produrre la qualità che state cercando. Se vogliamo restare indipendenti non possiamo essere finanziati dalla pubblicità, abbiamo quindi bisogno che i Lettori ci finanzino. Se vi piace quello che scriviamo contribuite a difenderlo, con voi il nostro futuro e il giornalismo libero saranno più sicuri. 
SOSTIENICI CON 3 EURO AL MESE
Le due vetture Hyundai sono state messe a dura prova nel Circolo Polare Artico

Kona Electric e Nexo testate in condizioni estreme in Lapponia

Kona Electric e NEXO superano brillantemente i test in condizioni estreme
Nexo garantisce la capacità di accensione anche quando le temperature raggiungono i -30°C, un valore equiparabile a quello dei veicoli a combustione interna. Grazie a innovative tecnologie di ventilazione e riscaldamento, Kona Electric garantisce un’attenta gestione dell’energia e un’ampia autonomia della batteria anche in inverno
Presso lo Hyundai Mobis Proving Ground in Svezia, a solo un'ora di distanza dal Circolo Polare Artico, Hyundai Motor ha sottoposto Kona Electric e Nexo a una serie di test in condizioni estreme. I più recenti modelli elettrificati Hyundai hanno affrontato una sequenza di prove in modo da garantire il corretto funzionamento dei veicoli anche quando le temperature scendono fino a -35°C. Il freddo così rigido, infatti, influisce negativamente su numerose funzioni dei veicoli elettrificati come la capacità di avviamento, il controllo termico del powertrain elettrico, il riscaldamento e la ventilazione, oltre che sulla massima autonomia di guida. Per questo motivo la nuova Kona Electric - il primo SUV compatto a zero emissioni - e il nuovo Hyundai Nexo - seconda generazione di SUV a idrogeno del brand - sono stati messi a dura prova nelle rigide temperature della Lapponia Svedese.


Nexo, avviamento anche a -30°C
Le precedenti generazioni di veicoli Hyundai a idrogeno hanno affrontato una significativa sfida tecnica per consentire l’avviamento del motore a temperature comprese tra -10° e -20° C. Per superare questo limite, nuova Nexo introduce una nuova tecnologia che riscalda la pila di celle a combustibile se la temperatura scende sotto lo zero. Grazie a questa gestione termica intelligente, l’auto è in grado di avviarsi anche quando le temperature raggiungono i -30°C, un valore equiparabile a quello dei veicoli a combustione interna. Un'altra sfida tecnica tipica dei veicoli fuel cell è la formazione di ghiaccio all'interno della pila di celle a combustibile dopo lo spegnimento del veicolo. Grazie a un nuovo sistema di ventilazione collegato alla pila, Nexo è in grado di prevenire - una volta spento il motore - la formazione di ghiaccio andando a rimuovere l'acqua prima che questa possa gelare.


Kona Electric, massima efficienza energetica
L'obiettivo chiave del test invernale per un veicolo elettrico è aumentare l’efficienza di utilizzo dell’energia. Sulla nuova Kona Electric sono presenti soluzioni tecniche in grado di migliorare l’autonomia di guida riducendo al minimo l’utilizzo di energia per il riscaldamento, la ventilazione e il funzionamento del climatizzatore (HVAC). Una nuova pompa di calore altamente efficiente sfrutta il calore dissipato emesso dai componenti elettrici e lo ricicla per aumentare l'efficienza dei sistemi di riscaldamento e ventilazione. Riducendo al minimo il consumo di elettricità dalla batteria, la pompa di calore contribuisce quindi a garantire un’ampia autonomia della vettura anche in inverno. L’innovativo HVAC controlla invece i flussi d’aria in entrata e in uscita garantendo un’ efficienza ancora maggiore: il sistema è in grado di riscaldare l'abitacolo riducendo al minimo la quantità di energia utilizzata per aumentare la temperatura durante i mesi più freddi. Un bottone posizionato vicino al guidatore permette di risparmiare ulteriore energia nel caso in cui si viaggi da soli, chiudendo completamente le bocchette di ventilazione del passeggero. Nuova Hyundai Kona Electric offre inoltre la possibilità di programmare il riscaldamento o il raffreddamento dell’abitacolo anche quando la vettura è ancora allacciata alla rete di ricarica, in modo da preservare l’energia stoccata nelle batterie.

Nexo e Kona Electric, autonomia ai vertici del segmento
Al top della gamma dei veicoli ecologici Hyundai, la nuova Hyundai Nexo vanta la migliore autonomia all’interno del segmento di veicoli fuel cell ed elettrici, assicurando una percorrenza di 800 km con una singola carica (ciclo NEDC). Primo SUV compatto elettrico, la nuova Kona Electric è proposta invece con due diversi pacchi batteria: la versione long-range è equipaggiata con una batteria dalla capacità di 64 kWh che garantisce un’autonomia dichiarata di 482 km con una singola carica mentre la versione base presenta una batteria da 39,2 kWh e un’autonomia dichiarata di 312 km (nuovo ciclo WLTP).

Categoria:

Ritratto di Tiziano Argazzi

Biografia

Tiziano Argazzi, giornalista pubblicista. I capelli bianchi, al pari dell’età, aumentano ma la passione per il turismo non accenna a diminuire. Da anni si diletta a scrivere di viaggi, vacanze e tempo libero, inserendo anche suggerimenti enogastronomici. Più recentemente, ha iniziato ad occuparsi anche di auto e motori. Fa parte di Neos, l’associazione che dal 1998 unisce giornalisti e fotografi che viaggiano per il mondo e lo documentano con parole e immagini e di Uiga l’Unione italiana giornalisti dell’automotive.