A differenza di altri giornali, non abbiamo creato un paywall (muro a pagamento): vogliamo mantenere il nostro giornale il più aperto possibile. Il giornalismo di VoxPublica impiega molto tempo, denaro e duro lavoro per produrre la qualità che state cercando. Se vogliamo restare indipendenti non possiamo essere finanziati dalla pubblicità, abbiamo quindi bisogno che i Lettori ci finanzino. Se vi piace quello che scriviamo contribuite a difenderlo, con voi il nostro futuro e il giornalismo libero saranno più sicuri. 
SOSTIENICI CON 3 EURO AL MESE

Sea Watch diffidata da Gdf

E' arrivata al limite delle acque territoriali la nave Sea Watch 3 con a bordo 65 migranti, tra cui due neonati, un disabile e diversi con ustioni gravi. L'imbarcazione, diretta verso Lampedusa, è stata diffidata dalla Guardia di finanza e dalla Capitaneria di porto, che hanno raggiunto la nave, di fare ingresso nelle acque territoriali.

La nave, come apprende l'Adnkronos, da alcune ore 'pendola', facendo zig zag in attesa di ulteriori sviluppi. Proprio ieri il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha firmato la direttiva che vieta alla Sea Watch l'ingresso in acque italiane. A Lampedusa sono, peraltro, presenti i pm della procura di Agrigento che oggi interrogheranno il comandante e il capo missione della Mare Jonio, che è sotto sequestro dopo lo sbarco dei giorni scorsi.

Immediato il commento di Salvini: "'Erano prima in acque libiche e poi in acque maltesi, ma mettendo a rischio la vita degli immigrati a bordo vogliono a tutti i costi arrivare in Italia - dice il ministro dell'Interno -. Questi non sono soccorritori ma scafisti, e come tali verranno trattati. Per i trafficanti di esseri umani i porti italiani sono e rimangono chiusi''.