A differenza di altri giornali, non abbiamo creato un paywall (muro a pagamento): vogliamo mantenere il nostro giornale il più aperto possibile. Il giornalismo di VoxPublica impiega molto tempo, denaro e duro lavoro per produrre la qualità che state cercando. Se vogliamo restare indipendenti non possiamo essere finanziati dalla pubblicità, abbiamo quindi bisogno che i Lettori ci finanzino. Se vi piace quello che scriviamo contribuite a difenderlo, con voi il nostro futuro e il giornalismo libero saranno più sicuri. 
SOSTIENICI CON 3 EURO AL MESE

Ucciso boss della famiglia Gambino

Il boss della famiglia Gambino, il 53enne Francesco 'Frank' Calì, è stato ucciso ieri sera in un sanguinoso agguato davanti alla sua residenza di Staten Island, a New York. Secondo quanto riferiscono fonti della polizia, l'uomo è stato trivellato con sei colpi di arma da fuoco al petto e poi investito da un camioncino blu Hilltop Terrace, in Todt Hill, alle 21.15 circa, ora locale.

I medici lo hanno portato con urgenza all'ospedale universitario di Staten Island, dove è deceduto per le ferite riportate. Secondo i media si tratta del primo assassinio di rilievo negli ambienti della criminalità organizzata di New York da oltre 30 anni. L'ultimo omicidio di un boss è infatti avvenuto nel 1985.

Noto come 'FrankieBoy', Calì è stato membro del comitato direttivo della famiglia Gambino per diversi anni e nel 2015 ne è diventato il capo, al posto del sessantatreenne Domenico Cefalù. Originario della Sicilia, Calì ha profonde radici nella mafia siciliana e sua moglie è la nipote del boss italoamericano Giovanni 'John' Gambino. Anche suo fratello Joseph e il cognato Peter Inzerillo fanno parte della cosca.