A differenza di altri giornali, non abbiamo creato un paywall (muro a pagamento): vogliamo mantenere il nostro giornale il più aperto possibile. Il giornalismo di VoxPublica impiega molto tempo, denaro e duro lavoro per produrre la qualità che state cercando. Se vogliamo restare indipendenti non possiamo essere finanziati dalla pubblicità, abbiamo quindi bisogno che i Lettori ci finanzino. Se vi piace quello che scriviamo contribuite a difenderlo, con voi il nostro futuro e il giornalismo libero saranno più sicuri. 
SOSTIENICI CON 3 EURO AL MESE

Alitalia, Fs in missione in Usa

Missione americana per le Fs spa. Una delegazione composta da manager e advisor del gruppo arriverà già nella giornata di oggi ad Atlanta per incontrare i vertici di Delta Airlines. Un nuovo round, quello in programma con il colosso americano, che consentirà di proseguire nella trattativa avviata nelle scorse settimane con l'obiettivo di arrivare a un accordo di partnership nell'ambito dell'operazione di rilancio di Alitalia. Infatti, per il decollo di quello che è stato ribattezzato 'Progetto Az' , sottolineano fonti vicine all'operazione, una 'conditio sine qua non' posta dalle Ferrovie al momento della presentazione dell'offerta vincolante nello scorso ottobre è proprio l'accordo con un primario vettore internazionale.

E, per realizzare quello che è uno dei principali capisaldi dell'operazione, si batte la pista di Delta anche se sullo sfondo rimarrebbe sempre un altro colosso, Lufthansa, che, pur non avendo presentato un'offerta, non ha mai nascosto l'interesse per Alitalia, a condizione, però, come i vertici della compagnia hanno più volte ribadito, che sia 'una nuova Alitalia ristrutturata'. Insomma, la scelta per la partnership internazionale sarebbe tra questi due big dei cieli. Un ruolo potrebbe esserci anche per EasyJet, la compagnia low cost britannica che ha presentato un'offerta, ma ritagliato nel contesto di una partnership con Delta e focalizzato sul medio raggio.

Anche se già avviata da dicembre, la ricerca del partner richiederà ancora tempo. Verosimilmente, l'orizzonte potrà essere definito entro un mese- un mese e mezzo. Discende da questo fattore il possibile allungamento dei tempi per la presentazione del nuovo piano industriale di Fs. Un'ipotesi che comincia a circolare anche alla luce della proroga della restituzione del prestito ponte di 900 milioni, decisa dal Governo a dicembre, che consentirebbe uno slittamento.

Il gruppo guidato da Gianfranco Battisti sta, intanto, proseguendo nella confirmatory due diligence, avviata a novembre per avere tutti gli elementi e gli aggiornamenti della situazione di Alitalia. Il ruolo che le Fs intendono avere nel Progetto Az è quello di essere un polo aggregante con altri partner con l'obiettivo di detenere, a valle dell'operazione, una quota di minoranza, intorno al 20% della newco.

Archiviata la pausa natalizia, i sindacati sono in attesa degli sviluppi del dossier Alitalia. Il 12 dicembre scorso si è svolto l'incontro con il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, per fare il punto sulla situazione e sulle prospettive della compagnia. Secondo fonti sindacali, un nuovo incontro non dovrebbe, però, essere imminente e bisognerà aspettare qualche settimana.