A differenza di altri giornali, non abbiamo creato un paywall (muro a pagamento): vogliamo mantenere il nostro giornale il più aperto possibile. Il giornalismo di VoxPublica impiega molto tempo, denaro e duro lavoro per produrre la qualità che state cercando. Se vogliamo restare indipendenti non possiamo essere finanziati dalla pubblicità, abbiamo quindi bisogno che i Lettori ci finanzino. Se vi piace quello che scriviamo contribuite a difenderlo, con voi il nostro futuro e il giornalismo libero saranno più sicuri. 
SOSTIENICI CON 3 EURO AL MESE

Car of the Year 2019 la giuria ha scelto le sette finaliste

L’auto che si aggiudicherà l'ambito riconoscimento sarà rivelata il 4 marzo dell’anno prossimo alla vigilia del Salone dell’Auto di Ginevra
Dopo un lavoro durato mesi la giuria del premio “Car Of The Year 2019” ha scelto le vetture destinate a contendersi l’ambito riconoscimento per l’anno prossimo. La parte del leone tocca al Vecchio continente che ha cinque vetture in “nomination” (Alpine A110, Citroën C5 Aircross, Jaguar I-Pace, Mercedes-Benz Classe A e Peugeot 508) mentre le altre due sono rispettivamente Made in Corea (Kia Ceed) e USA (Ford Focus). Le vetture finaliste sono state scelte tra una rosa di 38 partecipanti. Le vetture per poter concorrere al Premio dovevano avere una serie di requisiti fra cui essere di recente immissione sul mercato ed in vendita in almeno cinque Paesi europei al momento del voto.
Come è facile notare l’elenco delle finaliste è molto eterogeneo e comprende una sportiva, una berlina, tre compatte e due SUV uno dei quali elettrico.
Tra le escluse dallo sprint finale spiccano vetture importanti fra cui Audi (A1, A6, A7 Sportback, Q3 e Q8), BMW (3-Series, X2, X4 e X5), Dacia Duster, DS 7 Crossback, Yundai Nexo e Santa Fe, la nuova generazione di Jeep Wrangler, Honda CR-V, Lexus (ES, LS ed UX), Mercedes Benz (Classe A, Classe B, CLS, GLE e Classe G), Nissan Leaf, Lamborghini Urus ed Aston Martin Vantage. Molte di queste sono, attualmente, anche ai vertici di vendita delle rispettive categorie.
Nei prossimi mesi la giuria composta da sessanta giornalisti del settore dell’automotive, in rappresentanza di 23 Paesi europei, dovrà individuare l’auto vincitrice per il 2019 che raccoglierà lo scettro della Volvo XC40 (Car Of The Year 2018). Dopo avere "testato" a fondo le auto in “nomination” ogni componente della giuria dovrà ripartire i 25 voti a disposizione fra almeno cinque vetture indicando i criteri alla base del proprio voto.

La vettura Car Of The Year 2019 sarà rivelata il 4 marzo dell’anno prossimo in occasione dell’inaugurazione del Salone dell’Auto di Ginevra e la successiva cerimonia di premiazione per il 2019 si terrà in Svezia. Il trofeo che andrà alla vettura vincitrice  è quello della foto sopra. Progettato da Arantzazu García Calderón, ha pezzi separati di forme e materiali diversi, a simboleggiare i sette giornali che hanno creato il premio. Infatti "Car Of The Year"  è organizzato da sette delle più qualificate testate europee in ambito motoristico: Auto (Italia), Autocar (Regno Unito), Autopista (Spagna), Autovisie (Paesi Bassi), L'Automobile Magazine (Francia) e Stern (Germania) e Vibilagare (Svezia).

Categoria:

Ritratto di Tiziano Argazzi

Biografia

Tiziano Argazzi, giornalista pubblicista. I capelli bianchi, al pari dell’età, aumentano ma la passione per il turismo non accenna a diminuire. Da anni si diletta a scrivere di viaggi, vacanze e tempo libero, inserendo anche suggerimenti enogastronomici. Più recentemente, ha iniziato ad occuparsi anche di auto e motori. Fa parte di Neos, l’associazione che dal 1998 unisce giornalisti e fotografi che viaggiano per il mondo e lo documentano con parole e immagini e di Uiga l’Unione italiana giornalisti dell’automotive.