A differenza di altri giornali, non abbiamo creato un paywall (muro a pagamento): vogliamo mantenere il nostro giornale il più aperto possibile. Il giornalismo di VoxPublica impiega molto tempo, denaro e duro lavoro per produrre la qualità che state cercando. Se vogliamo restare indipendenti non possiamo essere finanziati dalla pubblicità, abbiamo quindi bisogno che i Lettori ci finanzino. Se vi piace quello che scriviamo contribuite a difenderlo, con voi il nostro futuro e il giornalismo libero saranno più sicuri. 
SOSTIENICI CON 3 EURO AL MESE

Di Maio-Salvini: "Aperti a dialogo con Ue"

Pronti al dialogo con l'Europa sulla manovra ma senza rinunce. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, "ha evidenziato puntualmente l'apertura del governo a un dialogo franco e rispettoso con le Istituzioni europee, senza rinunce su quel patto con gli italiani fondato su equità sociale, lavoro, crescita e sviluppo sostenibile che costituisce la stella polare della nostra azione". Lo affermano in una dichiarazione congiunta i vicepremier, Luigi Di Maio e Matteo Salvini.

"E' cruciale - si legge - in un momento così importante per il nostro Paese, sapere di potersi affidare alle competenze e alle capacità di un presidente del Consiglio che, nell'interlocuzione con il presidente della Commissione europea Juncker e il Commissario Moscovici, sta spiegando in maniera encomiabile la dirompente portata delle scelte per il cambiamento".

L'AGENDA - "Conte - insistono i vicepremier - è la voce ideale dell'Italia in Europa rispetto ai contenuti di quel patto sociale con i cittadini a cui lavoriamo costantemente, superando le diverse sensibilità in nome dell'interesse degli italiani. Il presidente sta illustrando all'Europa le potenzialità dell’ampia agenda di riforme che riporterà il Paese a crescere, evitando il rischio di una terza recessione e aprendo all’Italia una prospettiva futura migliore".

LE MISURE - "Le nostre misure - assicurano Di Maio e Salvini - rimettono in moto l’occupazione e la produttività, tendendo la mano a chi è rimasto indietro in questi anni di crisi, dando respiro ai consumi e guardando agli investimenti come trampolino fondamentale per la crescita nel lungo periodo".