A differenza di altri giornali, non abbiamo creato un paywall (muro a pagamento): vogliamo mantenere il nostro giornale il più aperto possibile. Il giornalismo di VoxPublica impiega molto tempo, denaro e duro lavoro per produrre la qualità che state cercando. Se vogliamo restare indipendenti non possiamo essere finanziati dalla pubblicità, abbiamo quindi bisogno che i Lettori ci finanzino. Se vi piace quello che scriviamo contribuite a difenderlo, con voi il nostro futuro e il giornalismo libero saranno più sicuri. 
SOSTIENICI CON 3 EURO AL MESE

Poker Lazio, Spal ko

La Lazio torna a vincere e convincere all'Olimpico contro la Spal. La squadra di Inzaghi cala il poker, si impone 4-1, e dimentica l'ennesimo tracollo contro una big, l'Inter nell'ultima giornata. Per la squadra di Semplici invece arriva un altro pesante ko dopo quello interno con il Frosinone. I biancocelesti si impongono grazie alla doppietta di Ciro Immobile e ai gol di Cataldi e Parolo, a nulla è servito il gol di Antenucci. Grazie a questo successo la Lazio sale a 21 punti in quarta posizione, mentre la Spal resta ferma a 12 punti. Inzaghi parte con Caicedo al fianco di Immobile, e con Cataldi in regia per l'assenza in contemporanea del duo Leiva-Badelj. A centrocampo Parolo e Milinkovic-Savic, a destra schiera Patric mentre in difesa torna Wallace. Per la Spal torna in porta Milinkovic-Savic, fratello del centrocampista biancoceleste. Davanti si rivede Antenucci, al fianco di Petagna, dall'inizio al posto di Paloschi.

Primo tempo piuttosto equilibrato con la Lazio che al 9' va vicino al vantaggio con Caicedo: azione confusa in area spallina dopo un bel break laziale, Lulic verticale per Caicedo che vince due rimpalli, si gira e conclude ma la sfera termina a lato. Poco dopo ancora padroni di casa pericolosi: uscita non felice di Milinkovic-Savic sul cross di Radu, e Patric cerca di trovare il palo lontano ma alza sopra la traversa. La Spal risponde con una punizione di Costa che si infrange sulla barriera, l'azione prosegue e Antenucci cerca il palo lontano da sinistra ma è bravo Strakosha. Al 26' Lazio in vantaggio: calcio d'angolo da destra, il pallone cade sul secondo palo e Immobile calcia al volo con il destro, non può nulla Milinkovic-Savic.

Passano due minuti però e la Spal pareggia: Lazzari va via a Lulic sul filtrante e l'esterno spallino mette in mezzo un pallone che Antenucci può comodamente insaccare in area piccola. Subito dopo Immobile sfiora il raddoppio con un diagonale mancino e poco dopo è Milinkovic a divorarsi il gol. Il serbo che da due passi alza clamorosamente sopra la traversa su un cross da sinistra. Al 35' la Lazio va ancora in gol: sontuoso lavoro di Caicedo che protegge palla, scambia dal limite con Immobile che scaglia un destro deviato da Costa che beffa Milinkovic, per il 2-1. Nel finale ancora Caicedo vicino alla rete e nell'ultima azione l'arbitro Guida ignora l'irregolarità con cui Immobile viene steso da Vicari dal limite.

Nella ripresa la Lazio entra in campo ancora più convinta e al 15' segna il tris. Cataldi recupera palla e fa partire un destro potentissimo da fuori area con il pallone che finisce sotto l'incrocio dei pali. Un minuto dopo Correa appena entrato salta due avversari ma alza la mira davanti al portiere. Al 25' la Lazio cala il poker: Parolo recupera palla ai 20 metri in pressione su Everton Luiz e calcia di prima intenzione, pallone nell'angolo, imparabile per Milinkovic e 4-1. La Spal non riesce più ad opporre resistenza, Immobile è scatenato ma viene fermato dal palo su un colpo di testa su cross di Cataldi da palla inattiva. Nel finale di gara ci provano ancora Immobile, Parolo e Cataldi, tra i protagonisti della sfida, ma il risultato non cambia e la festa biancoceleste può iniziare.

Categoria: