A differenza di altri giornali, non abbiamo creato un paywall (muro a pagamento): vogliamo mantenere il nostro giornale il più aperto possibile. Il giornalismo di VoxPublica impiega molto tempo, denaro e duro lavoro per produrre la qualità che state cercando. Se vogliamo restare indipendenti non possiamo essere finanziati dalla pubblicità, abbiamo quindi bisogno che i Lettori ci finanzino. Se vi piace quello che scriviamo contribuite a difenderlo, con voi il nostro futuro e il giornalismo libero saranno più sicuri. 
SOSTIENICI CON 3 EURO AL MESE

Di Maio attacca Draghi: "Avvelena il clima" POLITICA

Luigi Di Maio attacca Mario Draghi dopo il monito lanciato ieri dal presidente della Bce sull'aumento dello spread che sta incidendo sul capitale delle banche italiane. "Mi meraviglia che un italiano a capo della Bce si metta ad avvelenare ulteriormente il clima - ha detto il vicepremier ospite di 'Nemo' su Rai2 -. Stiamo facendo una manovra mai fatta prima, dalla parte dei deboli e non delle lobby e delle banche". Quindi ha aggiunto: "Stiamo mantenendo le promesse e non torniamo indietro".

arlando con Enrico Lucci, Di Maio ha spiegato che "sostenere le banche non significa prendere i soldi agli italiani", ribandendo che "lo spread sale perché c'è la paura che noi vogliamo uscire dall'euro e dall'Europa". "Ma non è vero - ha rimarcato il vicepremier - non è nel nostro contratto di governo e noi non vogliamo uscire".

Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico ha poi affrontato il capitolo Standard&Poor's, che dopo la bocciatura di Moody's la scorsa settimana, potrebbe annunciare stasera "prospettive negative" sulla tenuta del debito italiano che preludono a un possibile declassamento tra pochi mesi. "Non ho paura del giudizio di Standard&Poor's - ha sottolineato Di Maio -. La Francia è più indebitata di noi, che abbiamo un debito privato quasi inesistente e questo crea stabilità".

Di Maio non ha risparmiato, infine, una stilettata all'ex premier, Matteo Renzi. "Ci vuole poco a essere meglio di Renzi, ma decideranno i cittadini - ha osservato -. Al Circo Massimo c'erano 30mila persone, e se guardate la nostra area bibite, quello era il numero delle persone della Leopolda".