A differenza di altri giornali, non abbiamo creato un paywall (muro a pagamento): vogliamo mantenere il nostro giornale il più aperto possibile. Il giornalismo di VoxPublica impiega molto tempo, denaro e duro lavoro per produrre la qualità che state cercando. Se vogliamo restare indipendenti non possiamo essere finanziati dalla pubblicità, abbiamo quindi bisogno che i Lettori ci finanzino. Se vi piace quello che scriviamo contribuite a difenderlo, con voi il nostro futuro e il giornalismo libero saranno più sicuri. 
SOSTIENICI CON 3 EURO AL MESE

Scoppia il caso Savona

Le parole del ministro degli Affari europei Paolo Savona, che nello studio di Porta a Porta ha detto che la manovra va cambiata se lo spread sfugge, non è piaciuta ai membri del governo, creando più di una tensione nella compagine guidata da Giuseppe Conte. La famosa domanda sarcastica sulla potenza numerica della Chiesa sarebbe rimbalzata, a quanto apprende l'Adnkronos, sui cellulari di diversi ministri M5S: "quante divisioni ha Savona?", il commento che ha infatti accompagnato i lanci di agenzia che riportavano le parole del ministro.

Nello studio di Vespa, in una giornata nervosa sui mercati, dove lo spread ha toccato i massimi dal 2013 per poi scendere a 298 punti base con un rendimento del 3,2%, il ministro degli Affari europei ha detto: "Se ci sfugge lo spread, si deve cambiare la manovra" entro fine anno. Ma, ha affermato il ministro, "lo spread non arriva a 400, ne sono abbastanza sicuro. Vince il mercato".

Inoltre, parlando della manovra, Savona ha detto che il provvedimento che sarà varato dal governo per il 2019 è "cauto, moderato e corretto". "Moderato perché avremmo bisogno di andare ben oltre il 2,4% per dare una forte spinta". Il ministro ha poi spiegato che il provvedimento è cauto perché verrà fatta una verifica ogni 3 mesi ''per vedere se le cose camminano secondo quanto noi diciamo, comprese le previsioni macroeconomiche''. Quindi, già alla fine dell'anno, sarà effettuata una valutazione.