A differenza di altri giornali, non abbiamo creato un paywall (muro a pagamento): vogliamo mantenere il nostro giornale il più aperto possibile. Il giornalismo di VoxPublica impiega molto tempo, denaro e duro lavoro per produrre la qualità che state cercando. Se vogliamo restare indipendenti non possiamo essere finanziati dalla pubblicità, abbiamo quindi bisogno che i Lettori ci finanzino. Se vi piace quello che scriviamo contribuite a difenderlo, con voi il nostro futuro e il giornalismo libero saranno più sicuri. 
SOSTIENICI CON 3 EURO AL MESE

Kavanaugh alla Corte Suprema

Vittoria per il presidente Donald Trump. Brett Kavanaugh ha infatti prestato giuramento alla Corte Suprema degli Stati Uniti. Centinaia di persone a protestare all'esterno del tribunale di Washington mentre il giudice, riferisce l'agenzia Dpa, ha giurato all'interno dell'edificio.

Dopo settimane di discussioni controverse che hanno messo a nudo le nette divisioni nel Paese, il Senato degli Stati Uniti ha quindi chiuso la partita: 50 a 48 i voti per Kavanaugh, in una vittoria schiacciante per Trump e il suo partito repubblicano. Oltre ai conservatori, a votare a favore del giudice anche il senatore democratico Joe Manchin.

Al termine del voto, a ufficializzare l'incarico al vertice del più alto potere giudiziario della nazione, è poi arrivata la firma del presidente Usa, in volo verso il Kansas sull'Air Force One per una manifestazione.

Il giudice è da settimane al centro di una battaglia politica e legale dopo l'accusa di aver aggredito sessualmente una donna ai tempi del liceo. A fare scalpore, la rumorosa testimonianza rilasciata nei giorni scorsi davanti al Senato, nella quale Kavanaugh ha respinto le accuse e ha gridato a un complotto della sinistra per escluderlo dalla corsa alla Corte Suprema. Ora, dopo l'elezione, le decisioni di Kavanaugh potrebbero incidere su questioni fondamentali come i diritti delle donne, l'assistenza sanitaria e il finanziamento delle campagne elettorali.

Con ogni probabilità, riferisce ancora la Dpa, il giudice sarà protagonista della campagna elettorale per le elezioni a medio termine del mese prossimo, con le parti in attesa di radunare la propria base all'opposizione o in sostegno del giudice.