A differenza di altri giornali, non abbiamo creato un paywall (muro a pagamento): vogliamo mantenere il nostro giornale il più aperto possibile. Il giornalismo di VoxPublica impiega molto tempo, denaro e duro lavoro per produrre la qualità che state cercando. Se vogliamo restare indipendenti non possiamo essere finanziati dalla pubblicità, abbiamo quindi bisogno che i Lettori ci finanzino. Se vi piace quello che scriviamo contribuite a difenderlo, con voi il nostro futuro e il giornalismo libero saranno più sicuri. 
SOSTIENICI CON 3 EURO AL MESE

Usa, 5 morti per l'uragano Florence

Sale ad almeno 5 morti il bilancio delle vittime dell'uragano Florence, che si è abbattuto sulla costa sud orientale degli Stati Uniti. Oltre alle quattro persone registrate venerdì, tra cui una donna e il suo bambino schiacciati da un albero caduto sulla loro casa a Wilmington, un quinto decesso si è avuto a Kinston, nella Carolina del Nord, dove un uomo di 77 anni è stato ritrovato morto fuori della sua abitazione, probabilmente colpito dal vento mentre andava a controllare i suoi cani da caccia.

Le altre vittime sono una donna colpita da infarto sempre a Wilmington e un uomo rimasto fulminato mentre collegava un generatore nella contea di Lenoir.

INONDAZIONI - Declassato a tempesta tropicale, Florence si è spostato sulla Carolina del Sud e prosegue lentamente il cammino in direzione Ovest con venti che restano oltre i 110 km/h. Il National Hurricane Center avverte del rischio di "ondate che mettono a rischio la vita" e di "inondazioni di acqua dolce catastrofiche" in alcune parti della Carolina del Nord e del Sud.

"La tempesta continuerà a marciare violentemente sul nostro Stato ancora per giorni" ha dichiarato il governatore della Carolina del Nord, Roy Cooper, che ha descritto la gravità delle precipitazioni come "un evento mai visto da 1.000 anni". Il presidente Donald Trump ha elogiato la risposta all’uragano della Federal Emergency Management Agency, (Fema), la protezione civile americana, mentre la Casa Bianca ha annunciato che si recherà in visita nelle zone colpite la prossima settimana.